Parametri vitali a domicilio

Parametri vitali a domicilio

In cosa consiste la rilevazione dei parametri vitali?
La rilevazione dei parametri vitali è una componente importante dell’attività infermieristica; i segni vitali
fanno parte della serie di dati raccolti dagli infermieri durante l’accertamento, o durante il monitoraggio dei
pazienti che per svariate motivazioni necessitano di un continuo aggiornamento dei parametri. Essi
rappresentano una modalità veloce ed efficace per valutare le condizioni del paziente ed identificare la
presenza di problemi o la risposta del paziente ad alcuni interventi.

Cosa si intende per parametri vitali?
Convenzionalmente con il termine parametri vitali ci si riferisce alla misurazione di:
– Frequenza Cardiaca (FC);
– Pressione Arteriosa (PA);
– Temperatura corporea (T°);
– Frequenza respiratoria (FR);
ma le condizioni cliniche dei pazienti richiedono osservazioni anche di altri parametri, come:
– stato di coscienza;
– peso corporeo;
– stato emotivo;
– dolore;
– stato di cute e mucose;
– pulsossimetria.
Quando eseguire il monitoraggio?
I segni vitali di base, intesi come frequenza respiratoria, frequenza cardiaca, pulsossimetria, pressione
arteriosa e temperatura corporea devono essere rilevati:
– quando le condizioni fisiche generali del paziente cambiano (perdita della coscienza, aumento del
dolore, etc.);
– prima e dopo un intervento chirurgico per l’immediato riconoscimento dell’insorgenza di
complicanze;
– prima e dopo una procedura diagnostica invasiva;
– prima, durante e dopo la somministrazione di farmaci che influenzano i segni vitali, cioè che hanno
effetti sulla funzione cardiocircolatoria, respiratoria o sul controllo della temperatura;
– prima e dopo interventi infermieristici che influenzano i segni vitali (mobilizzazione, deambulazione,
etc.);
– quando un paziente riferisce sintomi specifici di malessere (nausea, vomito, vertigini, stanchezza,
sentirsi strano, etc.).

Costo del servizio: 20,00€

La rilevazione dei parametri vitali è una componente importante dell’attività infermieristica; i segni vitali fanno parte della serie di dati raccolti dagli infermieri durante l’accertamento, o durante il monitoraggio dei pazienti che per svariate motivazioni necessitano di un continuo aggiornamento dei parametri. Essi rappresentano una modalità veloce ed efficace per valutare le condizioni del paziente ed identificare la presenza di problemi o la risposta del paziente ad alcuni interventi.

Convenzionalmente con il termine parametri vitali ci si riferisce alla misurazione di:
– Frequenza Cardiaca (FC);
– Pressione Arteriosa (PA);
– Temperatura corporea (T°);
– Frequenza respiratoria (FR);
ma le condizioni cliniche dei pazienti richiedono osservazioni anche di altri parametri, come:
– stato di coscienza;
– peso corporeo;
– stato emotivo;
– dolore;
– stato di cute e mucose;
– pulsossimetria.

I segni vitali di base, intesi come frequenza respiratoria, frequenza cardiaca, pulsossimetria, pressione arteriosa e temperatura corporea devono essere rilevati:
– quando le condizioni fisiche generali del paziente cambiano (perdita della coscienza, aumento del dolore, etc.);
– prima e dopo un intervento chirurgico per l’immediato riconoscimento dell’insorgenza di complicanze;
– prima e dopo una procedura diagnostica invasiva;
– prima, durante e dopo la somministrazione di farmaci che influenzano i segni vitali, cioè che hanno effetti sulla funzione cardiocircolatoria, respiratoria o sul controllo della temperatura;
– prima e dopo interventi infermieristici che influenzano i segni vitali (mobilizzazione, deambulazione, etc.);
– quando un paziente riferisce sintomi specifici di malessere (nausea, vomito, vertigini, stanchezza, sentirsi strano, etc.).

Orari lavorativi
  • Lun-Ven 08:00 – 20:00
    Sabato 07:00 – 13:00
    Domenica 08:00 – 12:00
Contatti utili
Ask the Experts